Anche gli uomini sono soggetti ad una tipologia di menopausa che si chiama andropausa. Scopriamo come funziona nel dettaglio.

Gli uomini over 50 sono soggetti ad un calo di testosterone. Non c’è bisogno di allarmarsi e non si sta diventando vecchi, è solo l’andropausa e si può sia prevenire che curare. Molti studi rivelano che già dopo i 40 anni l’attività dei testicoli può diminuire, una cosa naturale ma nella società moderna, questa è una cosa soggetta ancora a tabù.

Non se ne parla e quindi gli uomini non sono pronti all’andropausa e spesso ci arrivano con diverse patologie come l’obesità, osteoporosi e l’ipertensione che non aiutano per niente.  Questi possono essere, insieme ad altri, i sintomi dell’andropausa. Altri sintomi sono ansia e depressione, calo del desiderio sessuale, stanchezza perenne e problemi di erezione. I problemi legati alla sfera sessuale non fanno altro che provocare disagio nell’uomo non conoscendo a fondo la materia, crede sia vecchiaia.

In realtà anche per gli uomini si può fare una terapia ormonale sostitutive per curare e prevenire l’andropausa, come le donne in menopausa.

Ma loro arrivano tardi a capire che è arrivata l‘andropausa o non ci arrivano mai. Forse arrivano a consultare un urologo, ma niente di più a volte. Non arrivano quasi mai a consultare un andrologo oppure solo quando si hanno problemi di prostata.

la prostata è un problema per gli uomini e si crede sia l’unico, perché non fanno quasi mai i conti con gli ormoni prima dei 40 anni, a differenza delle donne.

Perché è un tabù l’andropausa?

Nella nostra società ancora patriarcale, i cambiamenti fisici e ormonali degli uomini sono visti come qualcosa di “strano” e tutti sono abituati a definire un uomo come “non funzionante”, ma in realtà è una questione naturale che deriva dalla scienza, non si tratta di non funzionare. Di andropausa, non se ne parla molto e gli uomini non sono educati a questa fase della vita.