notizie

Una banda di hacker svuota i conti correnti a 40mila utenti.

Hacker si impadroniscono dei conti correnti inviando un e-mail.

Una  banda di hacker è stata sgominata dopo una difficoltosa operazione condotta dalla polizia e Fbi in Moldavia, Stati Uniti, Bulgaria, Ucraina, Georgia e Germania.

Il loro meccanismo era molto semplice e non è stato difficile svuotare i conti correnti di 40mila utenti. Gli hacker inviavano una semplice email che conteneva un virus e che gli utenti aprivano a loro insaputa ritenendola innocua.

Cento milioni di dollari è la cifra che la banda di hacher ha sottratto svuotando i conti correnti di circa 40mila utenti

Il loro meccanismo era molto semplice. Inviavano un email apparentemente innocua. Ma una volta aperta entrava nel loro sistema un virus, soprannominato GozNym che gli permetteva di entrare nei loro conti bancari e svuotarli

Cinque componenti della gang di nazionalità russa sono ancora in fuga,ma gli inquirenti non disperano e continuano le ricerche a tappeto su tutto il territorio. Arrestati invece un bulgaro, un moldavo e altri hacker anche a Pittsburg.

Oltre i 40mila utenti, nella “rete” di questi hacker sono stati truffati uno studio legale di Washington, addirittura una chiesa in Texas e numerose aziende americane

Questa pirateria informatica degli hacker purtroppo dilaga sempre più e il mondo online, che sembrava quello più sicuro, comincia a scoraggiare molti utenti che dopo le varie notizie di truffe stanno tornando ai vecchi sistemi per cautelare i loro soldi

Attenzione quindi quando arrivano email che possono sembrare innocue, mai aprirle per non incombere come successo ai 40mila malcapitati. Utenti che si sono visti svuotare i loro conti dopo averla aperta

Chissà, se forse, con tanta tecnologia, forse il metodo più sicuro sarebbe di ritornare al metodo della nonna: nascondere i soldi nel materasso.

La dentro di sicuro gli hacker non riuscirebbero a entrare. Ma poi ci sarebbe il rischio dei comuni ladri…insomma, per essere realist, il rischio in ogni caso c’è sempre.

Tags
Loading...

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close