Cronaca

Scappa dopo aver massacrato di botte la fidanzata e poi si schianta.

40enne massacra di botte la fidanzata e scappa

Scappa dopo avererla massacrata di botte la sua fidanzata, poi parte e si schianta dopo pochi chilometri.

L’incidente  è successo sulla tangenziale allo svincolo di Voghera-Casteggio in provincia di Pavia.

Nel frattempo la donna, abbandonata sulla tangenziale e sconvolta dall’accaduto chiama i carabinieri.Ma la sua fuga dura ben poco. L’uomo infatti dopo pochi chilometri si va a schiantare contro un guardrail

40enne massacra la fidanzata e scappa, ma la sua fuga dura poco. Dopo qualche km va a sbattere contro un guardrail

Soccorso dal 118 l’uomo è stato portato al pronto soccorso del policlinico San Matteo di Pavia. Il 40enne malgrado ha riportato gravi ferite nello schianto non è in pericolo di vita

Invece i militari accorsi sul posto hanno scoperto che l’uomo, oltre ad essere un violento, è anche uno spacciatore e non solo.L’uomo infatti aveva con lui 25 gr di cocaina, un coltello e un bilancino per pesare sostanze stupefacenti 

Invece, nella perquisizione della sua abitazione sono stati rinvenuti 200 gr di hashish, altri bilancini di precisione e una specie di “libro mastro” che aiutano  gli inquirenti a confermare che l’uomo, oltre ad essere un violento è anche  uno spacciatore. Inoltre hanno appurato che il 40enne era anche alla guida senza patente

L’uomo quindi, una volta uscito dall’ospedale, sarà arrestato,oltre che con l’accusa di violenza per la sua fidanzata ma anche per possesso e spaccio di droga e ritenzione abusiva di armi

Purtroppo queste vicende succedono ogni giorno. Ci sono “uomini”,se così si possono chiamare,io li chiamerei “bestie” che, si permettono di calpestare la dignità che ogni donna merita di avere

Ma questa volta, il destino, la casualità o la provvidenza, chiamiamola come vogliamo, ha reso giustizia ancor prima delle istituzioni. Questa donna, se pur ancora sconvolta, ha avuto una doppia giustizia. Quella delle istituzioni e quella del destino.

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close