notizie

Quota 100: Tutte le informazioni utili sul nuovo strumento per andare in pensione in anticipo

Tutto ciò che c'è da sapere su Quota 100

La questione delle pensioni nel nostro paese è un tema sempre più attuale e allo stesso tempo delicato. Ognuno di noi ogni giorno deve fari i conti con questo traguardo che, per alcuni più di altri, sembra non arrivare mai.

Ad oggi, per andare in pensione dobbiamo raggiungere l’eta di 67 anni oppure i 42 anni e 10 mesi di contributi. Un traguardo che appare sempre più lontano e che pone al centro delle polemiche un argomento così delicato come il raggiungimento della pensione.

Da aprile 2019, però, entrerà in vigore un nuovissimo strumento che vi permetterà di andare in pensione in anticipo. Si chiama Quota 100 ed oggi vediamo insieme di che cosa si tratta.

Quota 100: Lo strumento per andare in pensione in anticipo

Quota 100 è l’ultimissimo strumento disponibile per chi ha intenzione di andare in pensione in anticipo. Da Aprile 2019, infatti, entrerà in vigore questo particolare espediente per anticipare la tanto agognata pensione.

Il funzionamento è molto semplice. Per poter far domanda occorre sommare la vostra età anagrafica con i vostri anni di contributi versati: Se la loro somma fa 100, allora siete tra coloro che possono presentare la domanda.

In realtà, però, esistono alcuni requisiti. Per poter rientrare tra i beneficiari di questo strumento, infatti, è necessario avere almeno 62 anni di età e 38 di contributi versati.

Per farvi un esempio semplice, se avete 61 anni di età e 39 di contributi versati, anche se la loro somma fa 100, non potete presentare la domanda. Se invece rientrate in tutte le altre combinazioni, allora potrete richiedere il servizio direttamente dal sito dell’Inps.

E’ importante precisare che se farete domanda per usufruire di questo servizio, la vostra pensione sarà un po’ più bassa. Inoltre ricordatevi che al momento si tratta di uno strumento ancora in fase sperimentale.

Per il momento, infatti, Quota 100 sarà disponibile per soli 3 anni, trascorsi i quali si deciderà se prolungare questo strumento o eliminarlo definitivamente.

Tags
Show More

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close