In modo ufficiale l’Oms dichiara la pandemia da Coronavirus. Nello specifico, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha così classificato l’epidemia del virus cinese. In quanto la sua diffusione riguarda tutto il mondo. Vista la sua rapida diffusione in ogni angolo della terra.

Questo annuncio ufficiale è stato dato da Tedros Adhanom Ghebreyesus. Ossia dal direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, durante una conferenza stampa a Ginevra. In sostanza con questa classificazione si attribuisce al nuovo virus l’etichetta di malattia infettiva. Capace di minacciare la salute di tutta la popolazione mondiale.

L’attribuzione di tale definizione è stata rimandata da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Anche se Walter Ricciardi, consulente del Ministro della Salute, la aveva già prevista. Inoltre aveva proposto tale classificazione il Centers for Disease Control and Prevention (Cdc). Infatti gli esperti del centro statunitense avevano ribadito non solo la contagiosità e mortalità del Coronavirus. Ma anche la sua capillare diffusione a livello globale.

Alla fine è arrivata la decisione dell’Oms che dichiara la pandemia da Coronavirus. Solo dopo aver esaminato i dati raccolti in Africa ed in America meridionale. Grazie alla consultazione di tali dati si è appurato il numero di contagi e di decessi. Dopo aver preso visione delle informazioni sui contagi, l’ente preposto alla salute mondiale ha alzato il livello di allerta.

Oms dichiara la pandemia da Coronavirus

Si è dunque passati dalla definizione di epidemia a quella pandemia. Perché il numero di casi di contagio da COVID-19 fuori dalla Cina è aumentato. Registrando un incremento di 13 volte. Inoltre le nazioni coinvolte dalla diffusione del virus sono triplicate.

Quindi il Coronavirus presenta le tipiche caratteristiche delle malattie infettive. Che mettono in pericolo la salute di molte persone nel mondo. Interessando nello stesso tempo più Paesi, in diversi continenti.

La classificazione di pandemia si attribuisce di solito ai focus infettivi di origine virale. Questi sono scatenati da patogeni nuovi che la scienza non conosce. Tali tipi di infezioni virali si trasmettono in tempi rapidi. Con contagio da persona a persona. Inoltre un tipo di infezione si può dichiarare pandemica se causata da un patogeno diverso dai ceppi noti.

Ma anche se gli esseri umani hanno una scarsa oppure assente immunità nei suoi confronti. Anche se l’Oms ha avuto un po’ di cautela prima di definire pandemica questa condizione, le raccomandazioni ed il livello di allarme non cambiano.