Di recente si sono identificati dei nuovi sintomi Coronavirus. O meglio si sono identificate delle manifestazioni che inizialmente si sono ignorate. Un dato evidenziato da due nuovi studi pubblicati sul Journal of Clinical Virology.

Gli autori di tali indagini sono alcuni scienziati cinesi che hanno osservato che il Covid-19 è capace di attivare dei meccanismi di attacco nei confronti del sistema nervoso centrale. Ne deriva così la perdita di olfatto, che identifica uno dei nuovi sintomi Coronavirus prima ignorati. Ad avvalorare la perdita di olfatto giungono poi le conferme del quadro clinico dei contagiati nei vari Paesi.

Dunque il virus sarebbe in grado di infettare il sistema nervoso dei soggetti colpiti da Coronavirus. Questo perché aggredisce le aree cerebrali deputate a gestire il senso olfattivo. Talvolta i pazienti risentono della perdita di gusto. In quanto il virus colpisce anche le aree cerebrali del gusto.

A quanto pare nei pazienti contagiati si registra per prima cosa un’aggressione del senso dell’olfatto. Come conseguenza il malato di Covid-19 subisce un deficit del senso del gusto.

Nuovi sintomi Coronavirus: perdita di olfatto e gusto

Ai dati raccolti dagli studi si aggiungono le informazioni reperite monitorando i malati colpiti da Coronavirus in tutto il mondo. Secondo il team di virologi guidato da Claire Hopkins è bene prendere in considerazioni i nuovi sintomi Coronavirus.

Si tratta della perdita di olfatto e di gusto che si aggiungono ai segni clinici che rivelano un’infezione in corso da Covid-19. È importante la conoscenza dei sintomi della malattia virale in modo da discriminare presto i malati. E ridurre così i rischi di contagio.

Quindi nella lista dei sintomi causati da Coronavirus si segnalano segni quali: naso che cola, mal di testa, tosse, mal di gola, febbre, malessere generale. A cui si aggiungono anche bronchite e difficoltà a respirare.

Invece tra le complicanze dell’infezione da Coronavirus si possono verificare casi di coinvolgimento del tratto respiratorio basso. In questo caso possono sorgere delle gravi forme di polmoniti. In alcuni casi la polmonite può sfociare in insufficienza respiratoria acuta.