animali

Moose, il cane che aspetta il padrone defunto davanti al letto di ospedale

La storia di Moose, il cane che è stato immortalato seduto di fronte ad un letto di ospedale, mentre aspetta il suo proprietario ormai defunto

Oggi vi raccontiamo la storia del cane Moose, un quadrupede che, in pochissimo tempo, ha fatto il giro del web. Il cane è diventato in poco tempo il simbolo della fedeltà dei nostri amici a quattro zampe, grazie ad una foto che è stata molto condivisa sui social.

La foto in questione mostra il quadrupede seduto di fronte ad un letto di ospedale. È il letto del suo proprietario che, purtroppo, ormai non c’è più. Vediamo insieme i dettagli di questa vicenda.

La storia del cane Moose

Come detto, la foto di Moose è diventata super condivisa nel giro di pochissimo tempo. L’immagine risale ad alcuni giorni fa, il giorno in cui il migliore amico del cane ha lasciato il nostro mondo.

L’ultima volta, il cane Moose ha visto il suo proprietario seduto su quel letto di ospedale. Ed è proprio lì che il cucciolo si aspettava di rivederlo di nuovo.

Si è seduto davanti a quel letto, paziente del ritorno del suo migliore amico. Ma il suo migliore amico non c’era più, il suo migliore amico non sarebbe più tornato.

E da quel giorno, Moose non si è più ripreso. Per molto tempo ha atteso il ritorno del suo padrone, anche quando è tornato a casa sua. Per molti giorni ha guardato la porta di casa, impaziente di vederla aprire dal suo migliore amico.

Come detto, grazie all’innegabile potenza dei social network, la storia di Moose è diventata famosa in pochissimo tempo. E proprio per questo, finalmente, è arrivata la richiesta di adozione che il cane Moose aveva aspettato per molto tempo.

Lo scorso 17 Giugno, infatti, il cucciolo ha iniziato la sua seconda vita. Una vita che non gli farà dimenticare il suo migliore amico ormai scomparso, ma che gli permetterà di tornare ad essere felice. Una seconda vita che, vista la sua infinita fedeltà, si merita sicuramente.

Tags
Loading...

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close