Oltre ad essere una bella pianta ornamentale, la pianta di ananas è capace di eliminare i rumori notturni del russare. In più la Bromelia tropicale vanta altre proprietà benefiche utili per la cura naturale. In particolare, gli scienziati della Nasa confermano i suoi effetti positivi sul sonno. Questo perché ha la capacità di ripulire l’ambiente da gas e da tossine.

Tali sostanze alterano la qualità del sonno, quindi per depurare l’aria della camera da letto si consiglia di mettere vicino al letto la pianta. Nello specifico la Bromelia tropicale rilascia una buona quantità di ossigeno utile per i polmoni. Infatti la pianta di ananas è in grado di produrre molto più ossigeno rispetto ad altre piante. Quindi avendo a disposizione più ossigeno si dilatano le vie respiratorie. Come conseguenza si ottiene un migliore passaggio di aria nel naso e nella gola.

Secondo gli scienziati della Nasa, migliorando le condizioni del proprio ambiente notturno si concilia il sonno. Coloro che russano daranno tregua a chi vive con loro. Dunque i russatori possono combattere tale abitudine fastidiosa procurandosi la Bromelia tropicale. La pianta, originaria delle regioni dell’America meridionale e del Brasile, è facile da coltivare in vaso.

La pianta di ananas produce un frutto benefico: proprietà salutari

Per quanto riguarda poi il suo frutto, si consiglia il consumo per le sue proprietà curative. Tanti principi attivi sono presenti anche nelle radici. Infatti le sue radici sono benefiche in caso di disturbi intestinali. Il frutto ha una buona fonte di vitamina C dal potere antiossidante che agisce sul sistema immunitario. La vitamina stimola poi la sintesi di collagene: Ma sostiene pure l’assimilazione di ferro da parte dei globuli rossi.

Non mancano i minerali, tra cui il magnesio utile al sistema nervoso. Il minerale serve poi allo scheletro ed al metabolismo dei grassi. Invece la quota di potassio agisce sulla contrazione muscolare. In più il minerale favorisce l’equilibrio idro-salino e regola la pressione arteriosa. Ma le proprietà più preziose si devono al contenuto di bromelina. Ossia un insieme di enzimi (endopeptidasi) e di altre componenti. Così il frutto ha proprietà digestive, perciò è utile in caso di deficienze enzimatiche.

La bromelina agisce contro la cellulite e la ritenzione idrica. Questa sostanza infatti agevola il drenaggio dei liquidi. In particolare, la bromelina ha virtù antinfiammatorie che contrastano gli edemi. Inoltre le sue proprietà antinfiammatorie bloccano la produzione di bradichinina. Una sostanza che si scatena durante i processi di flogosi. Si riduce anche la produzione di prostaglandine pro-infiammatorie.

Per questo, il frutto si consiglia in caso di: artrite reumatoide, sindrome dell’intestino irritabile, prostatite. Le proteasi della bromelina modulano il sistema immunitario. Da ciò si ottiene un buon effetto di tipo anti-infiammatorio. Diversi studi attribuiscono alla bromelina un potere antitumorale a livello sistemico. Così consente di modificare alcuni meccanismi di azione dei tumori.