Cellulari e tumori. Gli scienziati continuano a discutere sulla sentenza che ha confermato la loro stretta correlazione. La Corte di appello di Torino ha dato ragione all’ex dipendente Telecom, Roberto Romeo. Nel contempo ha confermato il verdetto di primo grado.

Con questo, nel 2017 il giudice Luca Fadda ha condannato l’Inail a riconoscere una rendita da malattia professionale all’ex tecnico. Stiamo parlando di neurinoma acustico, un tumore cerebrale benigno molto raro.

Cellulari e tumori: la comunità scientifica

Ad oggi è impossibile dimostrare una correlazione tra l’uso prolungato del telefono e l’insorgenza del tumore.  E’ questo quanto sostenuto da alcuni esperti, parlando del caso specifico di Romeo.

Sull’argomento sembrano esserci ad oggi tanti pareri discordanti. La letteratura scientifica ad oggi risulta divisa sulle conseguenze nocive dell’uso dei telefoni cellulari.

Nel 2011 l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro era stata chiara. Pare avesse definito l’esposizione ai campi elettromagnetici ad alta frequenza, come cancerogeni possibili per l’uomo.

Uno studio del 2017 ha messo in evidenza dei dati molto importanti. E’ stato segnalato un aumento del rischio di ammalarsi di tumore, per chi utilizza il telefono per almeno dieci anni. Stessa tesi stata confermata poi da uno studio pubblicato nel 2013 da un gruppo di scienziati svedesi.

La replica dell’Iss

Ad oggi sembra esserci tanta confusione. Tutti gli studi hanno valutato un rischio del 40% superiore per i glioma in coloro che utilizzano tanto il cellulare.

Secondo Alessandro Polichetti dell’Iss, gli studi effettuati non sono sufficienti ad emettere questa sentenza. Quest’ultima ricordiamo che parla di elevata probabilità logica.

Di fatto c’è che nel mese di aprile 2019 si sono inserite le radiofrequenze tra gli agenti per i quali si chiede una rivalutazione di cancerogenicità. Ad averlo fatto, un Advisory Group della Iarc, composto da ben 29 ricercatori di 19 paesi.

Ad ogni modo, vista la tanta confusione è preferibile essere cauti e responsabili e cercare di utilizzare il telefonino meno possibile.

Potrebbe interessarti anche: Radiazioni degli smartphone: quali dispositivi sono a rischio