Cronaca

Catanzaro, donna schiavizzata e abusata dal marito per anni: arrestato

A Catanzaro una donna è stata schiavizzata e abusata dal marito per moltissimi anni. Ora, finalmente è libera.

Una vera e propria casa degli orrori quella in cui viveva questa donna schiavizzata e abusata dal marito per anni a Catanzaro.

Una notizia davvero sconvolgente, se si pensa che per più di 10 anni questa donna è stata costretta a subire ogni tipo di violenza da parte dell’uomo che aveva sposato. Vediamo insieme che cosa è successo.

Catanzaro: donna schiavizzata dal marito per anni

Questa terribile notizia di cronaca arriva dalla provincia di Catanzaro, da Lamezia Terme. E’ qui che vive la donna vittima della vicenda, insieme al marito che finalmente è stato arrestato.

La donna è un’ex badante di origine rumena di 29 anni. Aveva conosciuto il suo carnefice proprio a causa del suo lavoro, essendo stata la badante dell’ex compagna dell’uomo.

Quell’uomo che aveva promesso di aiutarla, di cui si è fidata ma che si è rivelato essere un vero e proprio mostro. Perchè per più di 10 anni l’uomo ha abusato della donna, facendola vivere in una stanza chiusa con una catena.

Tra topi, immondizie e i suoi stessi escrementi,segregata in una stanza al buio. Anni e anni di abusi sessuali dai quali sono nati anche due bambini, che oggi hanno 9 e 3 anni.

Finalmente i Carabinieri hanno liberato la donna e arrestato l’uomo. Le indagini sono iniziate dopo un semplice controllo in auto a cui l’uomo è stato sottoposto. Lo stesso, infatti, si è rifiutato di riferire l’indirizzo di casa sua, cosa che ha insospettito i Carabinieri.

In più, il figlio che era con lui è apparso in grosse condizioni di disagio. E così l’indagine è scattata e fortunatamente le forze dell’ordine sono riuscite a liberare la donna.

Sottoposta a tutte le cure necessarie, la verità è venuto piano piano a galla. La ventinovenne è stata anche più volte operata dal marito stesso con una lenza da pesca. Operata a ferite che, ovviamente, lui stesso le aveva inferto.

Tags
Loading...

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close